Chiedi una consulenza
Superbonus 110% e zone terremotate, la proroga al 2025 vale anche per le villette?

Superbonus 110% e zone terremotate, la proroga al 2025 vale anche per le villette?

Dal 2024 le villette non possono più accedere al Superbonus in nessuna forma, ma gli incastri normativi evidenziano un’eccezione.
Continua a leggere
Il 2025 sarà l’anno del Superbonus: fuori solo le villette

Il 2025 sarà l’anno del Superbonus: fuori solo le villette

Anche se nel 2025 l’aliquota scenderà al 65%, l’uscita di scena di alcuni bonus ordinari riaccenderà i riflettori sul Superbonus, almeno per i condomini. Per le villette sopravviveranno solo il Bonus “barriere” e il Bonus “casa”.
Continua a leggere
Superbonus e contenziosi: occhio agli incastri normativi

Superbonus e contenziosi: occhio agli incastri normativi

Per gestire i contenziosi che investono il settore, orientarsi tra i tempi di entrata in vigore delle oltre 30 modifiche al Superbonus è complesso ma decisivo. Il principio “tempus regit actum” regola i rapporti giuridici, e un adempimento oggi necessario può non esserlo stato in precedenza.
Continua a leggere
Ecosismabonus: un mix di detrazioni a disposizione anche nel 2024

Ecosismabonus: un mix di detrazioni a disposizione anche nel 2024

Se i lavori migliorano energeticamente e sismicamente le parti comuni di un edificio, si può fruire della versione “congiunta” di Ecobonus e Sismabonus, ovvero del cosiddetto Ecosismabonus. Ad esso si possono cumulare i bonus relativi alle singole unità.
Continua a leggere
Dubbi sui bonus edilizi: come fare un interpello all’Agenzia delle Entrate

Dubbi sui bonus edilizi: come fare un interpello all’Agenzia delle Entrate

Davanti a dubbi particolari, interpellare con un quesito l’Agenzia delle Entrate può essere utile a prevenire contestazioni o a difendersi nei contenziosi. Ma il testo dell’interpello deve essere formulato con molta attenzione.
Continua a leggere
Cessione superbonus e bonus edilizi: la buona fede non basta

Cessione superbonus e bonus edilizi: la buona fede non basta

Una recente sentenza ha confermato il sequestro preventivo dei crediti in capo al cessionario, a prescindere dalla sua responsabilità in termini di reato. Valutarne la qualità a monte assume così un valore cruciale.
Continua a leggere

TAGS